Warranty Bond: cos'è e come funziona


Il Warranty Bond è una garanzia con la quale il Committente si tutela in caso di mancato ripristino di eventuali difetti che dovessero sorgere durante il periodo di garanzia dei lavori.

 Nella maggior parte dei casi (o comunque negli appalti internazionali di medio-grandi dimensioni) essa viene rilasciata da una banca su richiesta dell'Appaltatore e prevede il pagamento di un certo importo al Committente nel caso in cui (durante il periodo di garanzia dei lavori) i difetti denunciati dal Committente non vengano ripristinati dall'Appaltatore.

   

READ IN ENGLISH

 

 

Warranty Bond

 

 

Tra le garanzie utilizzate negli appalti internazionali, il Warranty Bond  è molto frequente negli appalti per la costruzione di impianti produttivi e di opere infrastrutturali di medio-grandi dimensioni.

Tale garanzia viene richiesta insieme ad altre garanzie (quali ad esempio l' Advance Payment Bond o il Performance Bond).

 

A.      Come funziona

Al verificarsi di un difetto, il Committente e l'Appaltatore iniziano solitamente lunghe discussioni di natura tecnica sulla natura dei difetti e sulla loro imputabilità all'Appaltatore. Le parti discutono in particolare se si tratta di difetti dovuti al modo con cui l'Appaltatore ha eseguito i lavori oppure ai materiali utilizzati o se, invece, si tratta di difetti indipendenti dalle attività eseguite dall'Appaltatore.

Nel caso in cui le parti non raggiungano un accordo, oppure nel caso in cui l'Appaltatore si rifiuti di eseguire i ripristini richiesti (ad esempio perchè ritiene che i difetti non siano imputabili alle sue attività), il Committente potrà escutere la garanzia e, se si tratta di una garanzia autonoma e a prima richiesta,  potrà rivolgersi alla banca garante per ottenere il pagamento di una somma di denaro quantificata secondo un meccanismo prestabilito ed entro un importo massimo.

Se il Warranty Bond è emesso nella forma di garanzia autonoma e a prima richiesta, il Committente potrà richiedere il pagamento della somma di denaro stabilita senza la necessità di dover provare l'inadempimento dell'Appaltatore ed il pagamento da parte della banca avverrà di solito sulla base di una semplice domanda inviata al garante.

Questo tipo di garanzia prevede espressamente (se nella forma di garanzia autonoma) l’impossibilità sia per l’Appaltatore che per il garante di sollevare eccezioni relative al contratto di appalto. Ciò vuol dire, quindi, che se l'Appaltatore ritiene che i difetti non siano a lui imputabili, avrà pochi strumenti per prevenire il pagamento della garanzia.

E' evidente l'enorme rischio per l'Appaltatore il quale potrebbe vedersi escutere questa garanzia anche in ipotesi di mala fede da parte del Committente il quale, come detto, non deve provare l'effettivo inadempimento dell'Appaltatore (leggi anche Cosa fare in caso di escussione abusiva di una garanzia). 

 

B.      6 Regole per ridurre i rischi per l'Appaltatore

Come Appaltatore, segui alcune regole di base che ti permettono di ridurre i rischi che possono derivare da una escussione arbitraria del Warranty Bond:

 

  • VERIFICA prima di tutto se si tratta di una garanzia separata e distinta dal Performance Bond o se invece si tratta della stessa garanzia che hai rilasciato per la corretta esecuzione degli obblighi contrattuali ma che cambia di natura alla consegna dei lavori. E' sempre preferibile che le due garanzie (il Performance Bond e il Warranty Bond) siano rilasciate in modo separato e distinto. In caso contrario, dovrà essere inserito un meccanismo che chiaramente indichi la differenza di funzione della garanzia e la diminuzione dell’importo;

 

 

  • NEGOZIA la garanzia in modo che il Committente possa escuterla dietro presentazione, quanto meno, di un parere da parte di un terzo indipendente (ad esempio un tecnico nominato dalle parti) che dichiari l’effettiva esistenza di difetti che, almeno a prima vista, possono essere attribuibili direttamente all'Appaltatore;

 

  • NEGOZIA in alternativa la garanzia in modo tale che il Committente debba, quantomeno, indicare in dettaglio l’(asserito) difetto riscontrato (tale indicazione sarà utile nel caso l’escussione sia illegittima o, come si dice, "abusiva");

 

  • NEGOZIA la garanzia in modo tale che il Committente debba documentare l’entità del danno subìto e che l’ammontare che può essere escusso sia limitato al solo danno effettivamente subìto;

 

  • OTTIENI dai tuoi subappaltatori o fornitori garanzie simili a quelle che rilasci al Committente in modo tale che, in caso di escussione da parte del Committente, tu abbia sempre diritto di rivalerti nei confronti dei subappaltatori o fornitori. 

 

C.      Conclusioni 

Il Warranty Bond rappresenta un normale e fisologico strumento di tutela per il Committente per coprirsi dal rischio che le opere eseguite presentino difetti dovuti, in un modo o nell'altro, alle attività eseguite dall'Appaltatore.

Se la garanzia è emessa nella forma diuna garanzia autonoma e a prima domanda essa può rappresentare uno strumento molto efficace con cui il Committente potrebbe esercitare pressioni ingiuste nei confronti dell'Appaltatore ed ottenere il ripristino di difetti anche quando questi non siano realmente attribuibili all'Appaltatore stesso.

Solo una corretta negoziazione del Warranty Bond potrà garantire un giusto equilibrio tra le esegenze del Committente e quelle dell'Appaltatore.

 

Scarica ora la Guida completa sulle Garanzie negli Appalti Internazionali

Garanzie negli appalti internazionali